Guardaroba femminile, 10 pezzi intramontabili

Dalla Birkin allo smoking da donna ecco cosa vale ancora

  • Photo by Michel Comte 1995 Carla Bruni, Helena Christensen, Monica Bellucci Tailleur by Giorgio Armani
  • Helmut Newton Rue Aubriot, French Vogue from the series White Women Paris 1975 Helmut Newton Estate Ysl Smoking Tuxedo
  • Hermès Birkin Bag immagine da Purseblog.com
  • Chanel Classic Flap Bag

New York, Londra, Milano, Parigi: il tour delle fashion week è in pieno svolgimento per lanciare le nuove collezioni primavera estate 2018 . Ma, se è vero quello che diceva Coco Chanel, ovvero che “La moda è fatta per andare fuori moda”, allora nessuno si ricorderà più di queste collezioni tra pochi mesi o un anno. Eppure, a smentire Chanel ci sono questi 10 pezzi iconici della moda, che hanno segnato la storia e la società e che sono ancora oggi pezzi incredibilmente amati da tutti: appassionati di stile e non. Questi capi sono parte di un’asta dedicata proprio ai pezzi intramontabili della moda su Catawiki.

“Comprare abiti e accessori che hanno fatto la storia della moda non solo può permetterci di aggiungere alla nostra collezione capi meravigliosi e di grande stile ma, può essere anche un buon investimento. Sono sempre di più gli appassionati e i collezionisti che ricorrono a piattaforme come la nostra dove è possibile vendere e acquistare capi del passato. La domanda per alcuni capi iconici delle grandi maison è tale che, in alcuni casi, il loro valore non diminuisce nel tempo” spiega Stefania Filizola, esperta di vintage per il sito di aste online per oggetti unici e speciali.

1- Hermès Birkin Bag
Negli anni ’80 l’attrice Jane Birkin era seduta su un volo Parigi – Londra e si trovava a sua insaputa di fianco a Jean-Louis Dumas, CEO di Hermès. Durante tutto il volo Jane si lamentò di non aver mai trovato una borsa ideale per le uscite del fine settimana e, senza sapere chi avesse seduto al suo fianco, iniziò a descrivere a Dumas quali fossero le caratteristiche della sua borsa dei sogni. Poco dopo il loro incontro Jane Birkin ricevette una borsa personalizzata, proprio come quella da lei descritta a Dumas, con una nota personale. Da quel momento la Birkin è diventata una delle borse di lusso più conosciute al mondo. Possedere una di queste borse del passato può rivelarsi un vero affare, queste sono infatti amate dai collezionisti e, specialmente quelle con pelli esotiche che sono molto rare, raggiungono valori esponenziali anche nel mercato dell’usato. La Birkin più costosa mai venduta valeva 377.000 dollari. 

 2- Chanel Classic Flap Bag 

Quando Coco Chanel disegnò la sua prima borsa, nel 1929, gli unici modelli in commercio per le donne di classe dell’epoca erano pochette, così anche lei si mise all’opera per disegnarne una. Tuttavia, col passare del tempo, diventò sempre più chiaro nella mente di Chanel come fosse in realtà scomodo per una donna portare la borsa sempre in mano. Così, nel 1955, la stilista rivoluzionò la storia della borsa introducendo la Chanel 2.55, una pochette classica, ma con una cinghia. Per la prima volta per le donne di classe borghese era accettabile portare una borsa sulle spalle e per questo la Chanel 2.55 ebbe un successo straordinario! La casa di moda dovette addirittura rifiutare alcuni ordini nel primo anno per via della richiesta troppo alta. Possedere uno di questi pezzi storici ora è un grande affare, le borse vintage di questo tipo hanno aumentato esponenzialmente il loro valore negli anni, oggi un modello di media grandezza in buone condizioni si aggira tra i 1.800 e i 2.800 euro. 

3- Chanel Suit
Nel 1923 Coco Chanel invitò un piccolo gruppo di giornalisti nel suo salone per mostrare la sua nuova collezione. In quest’occasione la stilista presentò per la prima volta il twinset da lei ideato. Questo però non colpì in particolar modo i giornalisti, che non ne furono impressionati. Dopo la Seconda Guerra mondiale però, Chanel ripresentò il suo twinset che questa volta riscontrò un incredibile successo, diventando anzi una delle creazioni più iconiche di Chanel, che ha poi nel tempo influenzato il mondo della moda e le creazioni di altri stilisti. Le primissime edizioni di questo completo fanno gola ai musei di moda di tutto il mondo, ma un modello meno antico e mantenuto in buone condizioni, può essere facilmente trovato con prezzi tra i 400 e i 1.000 euro

4- Hermès Foulard
Il fazzoletto da collo era praticamente caduto in disuso quando Emile Maurice Hermès, capostipite della terza generazione Hermès, colse l'idea del socio Robert Dumas di personalizzare le sciarpe in seta da loro prodotte con disegni inediti fatti in casa. Sarà quindi il 1937 l’anno che consacrerà l'origine della nascita del primo carré firmato Hermès.
Da allora questi foulard sono diventati un vero must have della moda: la principessa Grace di Monaco ne utilizzò uno per sostenere il suo braccio rotto nel 1956. La regina Elisabetta viene spesso fotografata con uno di questi a coprirle la testa e negli anni 50 è addirittura stato prodotto un francobollo che la ritrae mentre indossa uno di questi famosi foulard. Lo indossarono Jackie O e Audrey Hepburn, che erano grandi fan di Hermès, ma anche molte celebrità di oggi ne fanno uso. Per sentirvi come una di queste, potete provare ad aggiudicarvi uno di questi foulard d’epoca qui: oggi sul mercato dell’usato questi carré valgono tra i 150 e i 400 euro, a seconda dalle condizioni e dalla rarità del disegno.

5- Burberry Trench
Il trench di Burberry ha un’origine assai lontana dal mondo della moda, venne infatti ideato per proteggere gli ufficiali inglesi da pioggia e interperie durante la Prima Guerra Mondiale. Si possono trovare segni di questa storia passata in ogni parte del suo design: ad esempio l’anello a cinghia a forma di D era usato dagli ufficiali per fissare piccoli oggetti, come le mappe. Solo molto tempo dopo la fine della guerra il trench è stato modificato per adattarsi ad un uso comune, ma la sua storia vive insieme a lui e ha contribuito a renderlo uno dei pezzi più conosciuti del marchio e del mondo della moda. Il mercato di seconda mano è ricco di questi trench, un pezzo vintage in buone condizioni  può valere tra i 100 e i 250 euro.

6- Diane Von Furstenberg Wrap dress
Vogue lo ha descritto come un “simbolo sartoriale della liberazione sessuale femminile”, si tratta dell’abito in jersey di Diane von Furstenberg. La stessa stilista ha spiegato al Los Angeles Times nel 1976 la sua idea di moda femminile: “I vestiti devono riflettere la liberazione femminile. Le donne oggi vogliono essere versatili, semplici, vestite di abiti confortevoli e snellenti, questo è quello che ho messo nel mio abito, e questa è la storia del mio successo”. Soltanto pezzi veramente antichi o versioni speciali di questi abiti fanno gola ai collezionisti e valgono cifre importanti, ma nel mercato dell’usato si possono trovare splendidi pezzi, come questo, che farebbero impazzire qualunque donna, con cifre che si aggirano tra i 100 e i 200 euro.

7- Yves Saint Laurent “Le Smoking Tuxedo”
L’introduzione dello smoking Tuxedo del 1966 è stata una svolta per il mondo della moda perché permise per la prima volta alle donne di portare una giacca – un capo prima di utilizzo esclusivo degli uomini - durante le occasioni mondane. Un pezzo che può essere indossato con una maglietta o con niente sotto, un elemento della moda che ha cambiato la società e che ha resistito alla prova del tempo. Anche in questo caso i pezzi più antichi che hanno resistito in buone condizioni fanno parecchia gola ai collezionisti, ma nel mercato dell’usato si possono trovare capi in buone condizioni che valgono tra i 250 e i 500 euro.

 8- Christian Louboutin High-heels shoes 

Si dice che le suole rosse di Christian Louboutin siano nate grazie alla sua assistente e a un’innocente manicure. Secondo la storia, infatti, mentre l’assistente si stava dipingendo le unghie di un rosso intenso e brillante Louboutin prese lo smalto dalle sue mani e iniziò a dipingerci la suola delle scarpe. Sarebbe così che quel rosso smaltato e luminoso divenne il simbolo delle scarpe Louboutin. Nientemeno che la Principessa di Monaco fu la prima vera cliente del marchio. Le famose Louboutin oggi sono un simbolo di moda e sono indossate da stiliste famose e da molte celebrità. Purtroppo per Christian però le scarpe non riescono facilemnte a far breccia nel mercato del collezionismo, modelli usati di queste scarpe tenute bene possono valere sul mercato dell’usato tra i 250 e i 300 euro.

9- Christian Dior “Lady Dior” bag
La Lady Dior è la creazione di Christian Dior più celebre in assoluto. Questa borsa è stata innovata in diversi modi dal momento della sua creazione negli anni ’90, ma la sua eleganza senza tempo è rimasta sempre la stessa. La borsa è stata anche protagonista di una serie di cortometraggi, conosciuti come “The Lady Dior Saga” con la presenza di Marion Cotillard, volto di Dior dal 2008 al 2015. Una vera borsa da star che, per la fortuna delle amanti del genere, sul mercato di seconda mano si può trovare con un prezzo tra gli 800 e i 1800 euro.

10- Giorgio Armani “The Power Suit”
Giorgio Armani, maestro di sartoria, venne lanciato sul palcoscenico della moda nel 1980, quando per le riprese del film American Gigolo vestì il protagonista Richard Gere con abiti morbidi e rivoluzionari, completamente diversi dai vestiti rigidi e soffocanti tipici dell’abbigliamento maschile all’epoca. Il film ebbe un enorme successo e così anche le power suite proposte da Armani, da quel momento gli uomini, ma anche le donne, iniziarono ad apprezzare e ad adottare questo nuovo approccio all’abbigliamento. I primissimi capi in questo stile e quelli indossati dai VIP negli anni ’80 fanno gola a tutti i collezionisti di moda, ma modelli più tardivi, e soprattutto, non appartenuti alle star, si possono facilmente trovare in buon condizioni nel mercato di seconda mano con prezzi intorno ai 150 – 300 euro .

Speciali ed Eventi vai alla rubrica >>
[an error occurred while processing this directive]