Percorso:ANSA > Motori > Analisi e Approfondimenti > Ricerca, urla e litigi alla guida anche in presenza di bimbi

Ricerca, urla e litigi alla guida anche in presenza di bimbi

I piccoli preferiscono il papa' al volante

26 aprile, 15:18
Ricerca, urla e litigi alla guida anche in presenza di bimbi Ricerca, urla e litigi alla guida anche in presenza di bimbi

ROMA - Grida e litigi al volante, tutto sotto gli occhi dei piu' giovani. E' una delle pessime abitudini degli automobilisti che in macchina inveiscono (75%), gridano (54%) e litigano (41%) in presenza dei più giovani. Questi sono alcuni dei risultati di uno studio condotto in Germania dalla OnePoll società specializzata in indagini mercato per conto di Continental e della Fondazione per la sicurezza stradale della Bassa Sassonia. Il 45% su un campione di 500 bambini intervistati (dai 4 ai 16 anni) dichiara che i propri genitori non si concentrano abbastanza quando sono al volante. Secondo il campione, inoltre, un quinto degli adulti tiene il cellulare all'orecchio mentre guida.
Pur criticando i propri genitori, il 98% dei bambini intervistati dice di essere soddisfatto dello stile di guida dei propri tutori. Il 49% aggiunge anche che la guida dei propri genitori è migliore di quella degli altri automobilisti. Ciò nonostante, uno su cinque afferma di sentirsi talvolta in imbarazzo per le abitudini di guida dei grandi. Il 17% ammette inoltre di aver avuto paura in passato per la loro guida.
Il 94% si sente sicuro durante il viaggio - specialmente mentre è suo padre alla guida. Sebbene le madri accompagnino i propri figli per attività doposcuola più della metà delle volte, soltanto il 39% dei bambini preferisce la guida materna, contro il 49% che opta per lo stile di guida del papà. Il 38% delle mamme e soltanto il 16% dei papà accompagna i figli a scuola.
Solo l'8% dei ragazzi dichiara di essersi turbato, mentre il 2% racconta di essersi preoccupato o impaurito. Si evince, comunque, che i bambini non rimangono indifferenti di fronte alle frequenti grida, liti e pazzie: molti di loro si sentono turbati (22%), in ansia (10%), imbarazzati (9%) o preoccupati (5%). Malgrado il 35% dei ragazzi affermi di aver reagito di fronte alle liti dei genitori con un sorriso, uno su cinque ricorda di averli ammoniti e chiesto loro di fermarsi. Anche nei casi in cui i familiari sono tentati a guidare troppo velocemente, i loro figli intervengono dal sedile posteriore: oltre uno su tre chiede semplicemente di ridurre la velocità. Solo uno su dieci li incita ad accelerare.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA