Percorso:ANSA > Motori > Industria e Mercato > Auto, nel 2011 l'11,8% del mercato era fatto da vendite fittizie

Auto, nel 2011 l'11,8% del mercato era fatto da vendite fittizie

Quattroruote, oltre 1 su 10 mai arrivata 'da nuova' a clienti

22 marzo, 18:28
Auto, nel 2011 l'11,8% del mercato era fatto da vendite fittizie Auto, nel 2011 l'11,8% del mercato era fatto da vendite fittizie

  ROMA - La crisi del mercato dell'auto è ancora peggiore di quello che sembra. Infatti, nel 2011 il totale delle vendite fittizie di nuove vetture ha raggiunto l' 11,8% del mercato. Come dire che oltre un'auto su dieci di quelle "vendute" in Italia lo scorso anno non è mai arrivata "da nuova" nelle mani dell'effettivo cliente finale.

A rivelarlo è il numero di aprile di Quattroruote, che pubblica per la prima volta e in esclusiva, i veri numeri delle vetture immatricolate dalle società. Che, dietro il paravento delle "vere" auto aziendali e delle vetture a noleggio, nascondono vendite fittizie realizzate attraverso diversi canali. Si comincia con le "auto immatricolazioni" da parte delle concessionarie: ben 132 mila vetture nel 2011 rispetto alle 128 mila del 2010 e alle 100 mila di tre anni fa, con un'incidenza sul totale del mercato cresciuta dal 4,7% del 2009 al 7,6% dello scorso anno. Vetture destinate poi ad alimentare il mercato dell'usato come "chilometri zero", un fenomeno in crescita anche nei primi mesi del 2012: a gennaio, l'incidenza sul totale delle vendite è stata pari addirittura al 9,4%.

Ma il conto delle "finte vendite" non finisce qui: se si tiene conto anche delle 46 mila vetture fatte targare direttamente dai costruttori nazionali e delle 10.000 autoimmatricolate dagli importatori, nel 2011 il totale arriva all'11,8% del mercato.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati